2024 – TERZA EDIZIONE

La giuria della terza edizione del premio Giuseppe Zilli per il giornalismo , composta dal presidente Marcello Sorgi, dal direttore del Premio Simone Gambacorta e da Stefano Pallotta, Maria Teresa Meli e Stefano Stimamiglio, ha scelto i vincitori che saranno premiati nel corso della cerimonia che si terrà sabato 20 luglio all’Eremo dell’Annunziata. Quest’anno, oltre alle 5 sezioni consuete, la giuria ha assegnato un premio speciale:

ANNA ZAFESOVA per il giornalismo cartaceo;
NELLO REGA per il giornalismo televisivo;
MARIA ROSARIA LA MORGIA premio alla carriera;
ENRICO GALLETTI per il giornalismo radiofonico;
VALERIO NICOLOSI per il giornalismo web;
LUCIO CARACCIOLO direttore di “Limes” premio speciale.

La serata conclusiva, presentata dalla giornalista Monica Setta, sarà allietata dalle note di Flavia Massimo al violoncello. L’evento, ad ingresso gratuito, prevede un numero limitato di ospiti, pertanto per accedere all’Eremo sarà necessario prenotarsi sul sito del premio.
prenota

i vincitori

RENATO MINORE

Premio alla carriera

ADAM HANZELEWICZ

Giornalismo web

ISABELLA ROMANO

Giornalismo televisivo

MARIA TERESA MELI

Giornalismo cartaceo

GIANLUCA NICOLETTI

Giornalismo radiofonico

sezioni del Premio

Giornalismo cartaceo

I quotidiani, i periodici, i mensili: un premio per il mondo della carta stampata.

Giornalismo televisivo

Un premio per le idee e per i protagonisti del piccolo schermo nell’era dell’informazione globale.

Giornalismo radiofonico

L’informazione, l’ascolto e l’approfondimento nel fascino intramontabile di un grande medium.

Giornalismo web

Il mestiere di giornalista nel mondo interconnesso: un premio per l’informazione in rete.

Premio alla carriera

Il riconoscimento per il valore particolarmente alto del percorso professionale di un giornalista.

la giuria

MARCELLO SORGI

Presidente della giuria

Giornalista e scrittore, ha cominciato la carriera giornalistica a 18 anni al quotidiano “L’Ora” di Palermo, la città dov’è nato e si è laureato in Giurisprudenza. Ha diretto il quotidiano "La Stampa" , il Tg1 e il Giornale Radio Rai. Ha scritto il libro-intervista con Andrea Camilleri "La testa ci fa dire" (2000; 2019), i saggi "Edda Ciano e il comunista" (2009), "Le amanti del vulcano" (2010), "Il grande dandy" (2011), "Le sconfitte non contano" (2013), "Colosseo vendesi" (2016) e "Presunto colpevole" (2020). Ha curato la mostra fotografica "Il secolo dell’Avvocato" dedicata al ricordo di Gianni Agnelli. Il suo libro più recente è "Mura. La donna che sfidò Mussolini" (2022).

Maria Teresa Meli

Giornalista politica, Maria Teresa Meli lavora dal 2002 al Corriere della Sera. Inviata de La Stampa fino al 2001, ha collaborato prima con Il Giorno e l’Adnkronos. Dalla seconda metà degli anni ‘80 segue le vicende della politica italiana.
Autrice, dal 2006 al 2007, di due programmi televisivi per La 7, ha dato di recente il suo contributo ad alcuni studi europei sulla comunicazione politica in Italia.
Nel corso degli anni ha collaborato ad “Amica”, “IO donna”, “7”. Interessata alle tematiche dei diritti civili, ha scritto con l’attivista Lgbt Paola Concia il libro «La vera storia dei miei capelli bianchi», edito da Mondadori nel 2012. Insieme ad altri colleghi, nel 2019, ha contribuito alla stesura del libro «Raccontare la politica».

Stefano Pallotta

Presidente dell’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo dal 2004. Docente a contratto di Teoria e tecniche del linguaggio giornalistico nella Facoltà di Scienze della comunicazione dell’Università di Teramo (2008-2009 e 2009-2010). È stato inoltre docente di Etica e deontologia professionale nel Master di giornalismo dell’Università di Teramo, riconosciuto dall’Ordine nazionale dei Giornalisti. Ha collaborato con l'Ansa, “Il Messaggero”, “L’Avanti”, “Paese Sera”, “La Stampa”, “Il Centro” e “L’Espresso”. Per lunghi anni è stato direttore responsabile della televisione Atv7 e per oltre venti dipendente dell’Agi  

Stefano Stimamiglio

Don Stefano Stimamiglio, 59 anni, è stato ordinato sacerdote nella Società San Paolo nel 2007.
Laureato in giurisprudenza a Bologna nel 1990, dopo essere stato uno dei primi “studenti Erasmus” in Germania (1988-1990), ha lavorato per 6 anni nell’ufficio legale di alcune grosse aziende del Nord-Est (De Longhi, Benetton Group, Fincantieri).
Entrato nella Società San Paolo nel 1999, compiuti gli studi teologici alla Pontificia Università Gregoriana, ha ottenuto la licenza in Teologia del Matrimonio e della Famiglia presso il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II di Roma.
Compiuta la pratica professionale nella redazione di Famiglia Cristiana, è giornalista professionista dal 2008. È stato Vice Caporedattore di Credere e Jesus, prima di assumere, nel 2015, l’incarico di Segretario generale della sua Congregazione. Nel settembre 2021 è stato nominato Condirettore di Famiglia Cristiana e, dal 13 marzo 2022, Direttore della testata.
Ha pubblicato con San Paolo Edizioni Chi salva una vita salva il mondo intero (2014), sulla vita di padre Georg Sporschill sj, e, insieme a don Gabriele Amorth, Saremo giudicati dall’amore. Il demonio nulla può contro la misericordia di Dio (2015). Nel 2021 ha tradotto dal tedesco Bi@mail. Messaggi dalle periferie del
mondo. Una Bibbia per audaci (di padre Georg Sporschill e Ruth Zenkert). Infine, nel 2023 insieme a Marina Casini, Presidente del Movimento per la Vita, ha dato alle stampe Carlo Casini. Storia privata di un testimone del nostro tempo.

Simone Gambacorta

Responsabile della comunicazione dell'AIL Teramo, lavora per l'emittente tv Super J dove cura da anni una trasmissione settimanale sui libri. È vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo e di Confassociazioni Abruzzo. È stato componente del “Comitato per il centenario della nascita dello scrittore Michele Prisco”, istituito presso il Mibact. Per otto anni ha curato le pagine culturali del quotidiano teramano “La Città”. Scrive per “L’immaginazione” e per il magazine online “Lingua italiana Treccani”. Ha scritto su “L’indice”, “L’illuminista” e “Fata Morgana Web”. Il suo percorso, che lo vede autodidatta, è iniziato nel 2001. Pensa che il giornalismo culturale sia divulgazione.

COMITATO D'ONORE DELL'EDIZIONE 2024

Antonella Ballone
Claudio Boffa
Simona Cardinali
Daniele Cavicchia
Piero Chiarini
Stefano Cianciotta
Angela Ciano
Silvano Barone
Walter Capezzali
Maria Ceci
Christian Corsi
Davide De Laurentis
Marco Di Nicola
Ottavio Di Stanislao
Nicolino Farina
Gianni Gaspari
Lorenzo Leuzzi
Andrea Lombardinilo
Dante Marianacci
Fabrizio Marinelli
Dino Mastrocola
Renato Minore
Ileana Moretti
Mario Narducci
Tommaso Navarra
Luigiaurelio Pomante
Emma Pomilio
Luigi Ponziani
Luisa Regimenti
Luciano Regolo
Antonio Rizzolo
Lucilla Sergiacomo
Marco Solfanelli
Gianfranco Spitilli
Federica Zalabra
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram